Non c’è meta senza mota