Rugby: Un Sena sventato perde con il Dinamis Falconara

Domenica 28 ottobre il Sena ha perso per 7 a 29 con il Dinamis Falconara conoscendo la prima battuta di arresto di questo campionato.
La partita ha avuto inizio con un minuto di silenzio per la prematura scomparsa dell’azzurro Pier Massimiliano Dotto a cui si è unito da parte del pubblico e delle due squadre il ricordo di due giovani falconaresi scomparsi di recente.
La giornata era soleggiata ma disturbata da un forte vento che rinforzato da violente folate teneva bassa la temperatura e ha condizionato la continuità dello sviluppo del gioco da parte delle due squadre.
Per i primi venticinque minuti la partita si è mantenuta sostanzialmente in equilibrio con una occasione di andare in meta per il Sena non sfruttata per un passaggio di troppo all’ ala, occorreva invece approfittare di un buco nella difesa avversaria per entrarvi.
Il Falconara invece al 26’, dopo aver fallito un calcio di punizione diretto ai pali non si lasciava sfuggire l’occasione di un pasticcio difensivo del Sena sulla propria linea di meta per oltrepassarla e schiacciare il pallone. La successiva trasformazione portava il Falconara in vantaggio per 7 a 0.
Il doppio errore in attacco e in difesa, che dopo aver visto sfumare il possibile vantaggio vedeva concretizzarsi una meta avversaria, ha disunito i ragazzi del Sena che hanno perso il bandolo del gioco, che pur avevano espresso pregevolmente nelle prime tre partite di campionato.
Scarsa lucidità nelle ripartenze, placcaggi alti, indecisione nel sostegno; il Falconara non è squadra da stare a guardare simili imperfezioni e dopo 4 minuti segnava la seconda meta, trasformata, 14 a 0.
Allo scadere del primo tempo Il Falconara arrotondava il vantaggio trasformando una punizione, portandosi sul 17 a 0.
Nel secondo tempo il Sena tornava in campo senza che la strigliata degli allenatori Boccarossa e Gargamelli avesse portato ad un cambio di approccio e atteggiamento.
Al secondo minuto Il Sena si è trovato in inferiorità numerica per l’espulsione temporanea del pilone De Felici per un ingresso laterale su una ruck, che è una situazione di gioco del rugby che si costituisce quando uno o più giocatori avversari si trovano a contatto l’uno contro l’altro per contendersi il pallone a terra. In quel caso ancora una volta la situazione era abbastanza confusa perché il placcato e il placcatore erano ancora a terra insieme alla palla e a contendersela si stavano accingendo Gianluca e il mediano di mischia avversario.
Durante i 10 minuti di espulsione il Falconara non riusciva ad approfittare della superiorità numerica, ma successivamente dimostrava maggior concretezza realizzando due mete al 20’ e al 25’ del secondo tempo, trasformandone una sola.
Sul 29 a 0, nell’ ultimo quarto d’ora di gioco, il Sena riusciva finalmente a costruire qualche azione completa e allo scadere otteneva la meta della bandiera con Nicolò Sagrati, meta poi trasformata da Marco Basili.
Fischio dell’ arbitro e risultato finale di 29 a 7 per il Falconara che ha ottenuto anche il punto di bonus per aver segnato più di due mete.
Il Sena è uscito dal campo a testa bassa non tanto per la sconfitta che può anche starci, considerando la storia e il carattere dell’avversario, ma per l’amaro in bocca lasciato dalla sensazione che sarebbe stata un’altra partita se la squadra di Senigallia non avesse perso la tramontana.
Domenica prossima, prima di una pausa del campionato in occasione dei test match della nazionale, il Sena incontrerà gli Amatori Fermo, squadra anch’essa titolata, in casa, al Sena Park.
Visti anche i risultati di questo turno, che delineano un campionato estremamente equilibrato, ogni partita va giocata con il massimo della concentrazione e dell’impegno. Martedì riprendono gli allenamenti che inizieranno con il commento della partita da parte dei due allenatori che lo hanno volutamente rimandato a quel giorno proprio per continuarli con la necessaria modestia e spirito di sacrificio.

Domenica 28 ottobre
Serie C Marche
4° giornata – ore 14.30
Ascoli – Fermo 27 -24 (4-2)
Macerata – Ancona 21-19 (4-1)
Falconara – Sena 29-7 (5-0)
Fabriano RIPOSO
Porto Sant’Elpidio RIPOSO

Classifica

1. Macerata11 (-4)
2. Ascoli 10
3. Falconara 6 (-8)
4. Sena 3 (-8)
5. Ancona 1
6. Porto Sant’Elpidio 0 (-4)
7. Fermo -1 (-8)
8. Fabriano -8 (-8)